Nel secolo X d.C. nell’attuale comune di Stilo, sito in provincia di Reggio Calabria fu edificata una piccola chiesa bizantina che ancora oggi si erge alle falde del monte Consolino e che è divenuta uno dei monumenti che testimoniano la storia del comune nonchè sito di interesse turistico. Questa è chiesa è conosciuta con il nome di “Cattolica”.

La Cattolica di Stilo

cupole della chiesa

Il nome di questa chiesa è stato scelto per indicarne la posizione di privilegio rispetto alle altre, difatti questo nome è legato all’etichettatura, nata durante la dominazione bizantina, “Katholiki” che indicava le chiese di primo grado e dotate di battistero. La chiesa sorge su di una base quadrata sormontata da cinque cupolette adornate da bifore e monofore. Il modello è tipica dell’epoca bizantina e si rifà alla croce greca inscrita.

L’esterno della chiesa si presenta molto semplice ed è quasi privo di decorazioni. Questa scelta ha però dato risalto all’attenzione posta per i dettagli delle cupole che sono curate e adornate con mattonelle quadrate di cotto disposte a losanga, e di due cornici di mattoni disposti a dente di sega lungo l’andamento delle finestre. L’aspetto generale della struttura è quella di un cubo ed è stato realizzato con un intreccio di mattoni legati tra loro con la malta, molto particolare poi la parte di ponente della chiesa che si adagia direttamente sulla roccia nuda mentre a levante sono state utilizzate tre asi di pietra per sostenere il peso della struttura.

L’interno della chiesa è diviso in nove spazi uguali tramite quattro colonne, lo spazio centrale e quelli angolari sono sovrastati dalle cupole con quella mediana che ha un diametro maggiore delle altre è le sovrasta leggermente in altezza. Il piccolo ambiente della chiesa è munito di tre absidi sul versante orientale: quella centrale (il bema) conteneva l’altare vero e proprio, quella a nord (il prothesis) accoglieva il rito preparatorio del pane e del vino, mentre quella a sud (il diakonikon) custodiva gli arredi sacri e serviva per la vestizione dei sacerdoti prima della liturgia. Molto suggestiva poi la scelta delle fonti di illuminazioni: la loro particolare collocazione mette in risalto lo spaio e conferisce una maggiore sensazione di slancio.

La storia della Cattolica

Abbiamo già detto che la chiesa risale al X secolo, la sua costruzione è dovuta ai monaci orientali che sul finire della dominazione bizantina si insediarono alle pendici del Monte Consolino. Per avere informazioni documentate circa la Cattolica si dovrà aspettare il XVI secolo, anno in cui ne appare una prima citazione ad opera di Michelangelo Macrì. Ciò che è certo è che la Cattolica era la chiesa madre tra le cinque parrocchie del paese e che era retta da un vicario perpetuo. A partire dal 1914  la chiesa è stata sottoposta ad una serie di interventi di restauro gli ultimi dei quali sono datati nel 1970.

Info utili

Se vi siete incuriositi e volete vedere da vicino questa chiesa allora troverete utili le seguenti informazioni:

orario di apertura:

  • Dal 1 aprile al 30 Settembre: 8.00 – 20.00 (lun – dom)
  • Dal 1 ottobre al 31 marzo: 8.00 – 18.00 (lun – sab); 12.00 – 18.00 (tutti i festivi)