Nella provincia di Salerno, più precisamente nel comune di Casaletto Spartano, si può visitare uno dei luoghi più suggestivi di tutta la Campania, stiamo parlando dei “Capelli di Venere”, una meravigliosa cascata che sorge dalle acque del Rio Bussentino.

Qualche info su Casaletto Spartano

Prima di approfondire il viaggio alla scoperta delle cascate, abbiamo pensato di partire con qualche piccola info sintetica sul comune che ospita quello spettacolo della natura. Casaletto Spartano è un piccolo borgo di origine medioevale che secondo un’antica leggenda si sviluppò intorno all’antica contrada “Spartoso”. Senza soffermarci sulla storia del luogo, oggi il borgo si compone di due centri abitati: Battaglia e Casaletto Spartano. Questi due centri sono divisi dal corso d’acqua del Rio di Casaletto e a collegarle ci sono alcuni sentieri. Inutile dire che il cuore turistico del centro è costituito dal Capello, dove si trova la suddetta cascata “Capelli di Venere”.

La cascata

Cascate Capelli di Venere

Il “Capello” si inserisce in un complesso contraddistinto dall’elevato valore ambientale ed il suo nome deriva dalla cascata “Capelli di Venere”. Il nome scelto per questa stupenda manifestazione della natura deriva dalla pianta “Capelvenere” che cresce rigogliosa in questa zona. Lo spettacolo che attende i visitatori è un gioco di luci che tra rifrazioni e bagliori di acqua, muschio e vapore conquisteranno facilmente il cuore di chiunque. Una giornata alle cascate passerà piacevolmente tra passeggiate che vi condurranno alla scoperta di luoghi panoramici immersi nella natura incontaminata e per i più temerari qualche tuffo nelle cascate, vi avvisiamo sin da subito che la temperatura che vi attende è decisamente bassa aggirandosi attorno ai 6 gradi. In prossimità del corso d’acqua potrete anche scorgere un vecchio mulino ben conservato ed un rudere chiamato “Sorgitore” che consente la deviazione delle acque provenienti dalla sorgente che ha origine presso la località Melette, in modo che una parte delle acque alimentino il mulino e la restante parte vadano a finire nel fiume.

Come raggiungere la cascata

Se quanto letto ha stuzzicato la vostra curiosità, non ci resta che fornirvi le giuste indicazioni per raggiungere questo luogo senza troppe difficoltà. Per arrivare alle cascate potrete utilizzare sia la vostra auto sia il treno, qui di seguito vi daremo le info per entrambe le soluzioni.

  • in auto: Per raggiungere Casaletto Spartano è necessario percorrere l’A3 Salerno-Reggio Calabria, uscire allo svincolo di Padula-Buonabitacolo, proseguire sulla Strada Statale 517 in direzione di Sapri; superato l’abitato di Sanza imboccare la variante alla S.S. 517 e uscire allo svincolo di Caselle in Pittari, da qui percorrere la SS 16 in direzione Casaletto Spartano per circa 12 km. La distanza da Salerno è di 127 km.
  • in treno: La stazione FS più vicina è quella di Sapri sulla linea Napoli-Reggio Calabria.

Nel caso in cui abbiate scelto di spostarvi in auto, potrete provare a parcheggiare vicino alla fontana pubblica. Prima di salutarvi vi informiamo che per entrare nel sito sarà richiesto un esiguo contributo di 2 euro per avere l’accesso libero per l’intera giornata.