La sede della prefettura della provincia del Verbano-Cusio-Ossola è situato in uno degli edifici più belli di tutto il Piemonte: si tratta di Villa Taranto. La peculiarità di questo luogo non è data tanto dall’edificio in sè ma dall’incredibile giardino che circonda la struttura e che funge da vero e proprio orto botanico.

Villa Taranto si trova a nord – ovest del promontorio della Castagnola ed i suoi giardini si estendono per un’area di circa di 160 000 metri quadri e sono percorsi da circa 7 Km di viali. Le dimensioni sono dunque notevoli e non sorprende sapere che all’interno dei giardini sono ospitate oltre ventimila specie botaniche.

Brevi cenni storici sulla villa ed i suoi giardini

i giardini della villa

Dopo aver fatto un’adeguata presentazione, è arrivato il momento di dare il giusto peso anche gli anni di questa struttura. Non temete la storia che vi vogliamo far ripercorrere non è tediosa ma sarà focalizzata sui momenti chiave della villa. Per comprendere le vicende di questo posto dobbiamo fare una premessa: Villa e giardini non nascono nello stesso momento, inizialmente difatti vi era solo l’edificio.

Detto questo partiamo proprio dall’edificio storico. Villa Taranto fu costruita nel 1870 dall’architetto svizzero Augusto Guidini. Di dattagli specifici sulla villa certi sfortunatamente non siamo in gradi di darveli però quello che possiamo dire è che lo spazio fu acquistato nel 1930 da un militare britannico e proprio a quest’uomo si deve l’attuale parco botanico.

Da questo momento in poi la storia ci risulta molto più chiara. Nel 1930 Neil Boyd Walson McEachan, militare britannico di origini scozzesi, essendo innamorato dell’Italia voleva realizzare in detta terra un vasto giardino. Lo spazio idoneo risultò essere proprio quello della Villa di cui stiamo parlando. McEachan acquistò la proprietà da Rosamund Marke Wood, la dama di palazzo della regina Elena. Una volta divenuto proprietario il militare diede il via ai lavori di trasformazione che iniziarono nel 1931 e terminarono nel 1940. Una volta realizzato il suo progetto McEchan ribattezzò il luogo in Villa Taranto in onore di Etienne Macdonald che fu nominato duca di Taranto da Napoleone.

Nel 1939 mcEachan dovette partire a causa dell’ingresso dell’Italia nel conflitto mondiale ma prima di partire donò la villa allo Stato italiano. A partire dal 1995 la villa è divenuta sede della Prefettura della provincia del VCO e non è più visitabile.

Il giardino botanico ed il mausoleo

La parte più interessante della villa, nonchè unica aperta al pubblico, è sicuramente il giardino botanico. Vediamo dunque come sono questi giardini. I giardini sono suddivisi in zone e precisamente abbiamo le seguenti:

  • serre
  • giardini terrazzati
  • aiuole floreali
  • erbari

Per ottenere la varietà specie di cui gode il giardino, è stato necessario importare le specie floreali da più parti del mondo. Per quanto riguarda l’erbario, nella sua struttura sono esposti quelli che possono essere definiti “quadri naturali”; ci sono ben 43 teche dove si possono ammirare specie di flora spontanea del regno unito. I giardini terrazzati invece sono caratterizzati dalla presenza di piccole  cascate e giochi d’acqua all’interno delle quali si riflettono i colori delle piante e delle aiuole. Vi è poi una valletta scavata nel 1935 e sovrastata da un ponticello di 35 metri che attraversa i giardini rendendo piacevole la passeggiata all’interno di quest’ultimi.

Insomma i giardini sono un posto incantevole e percorrere il lungo viale è un’esperienza che sicuramente saprà regalare grande soddisfazione a tutti.

Info utili

Qui di seguito vi riportiamo alcune informazioni utili al fine di organizzare una visita ai giardini della villa.

ADULTI: 10.00 Euro

GRATUITA’
Ingresso gratuito a bambino da 0 a 5 anni
Ingresso gratuito a Capo Comitiva
Ingresso gratuito a 1 insegnante ogni 20 studenti
Ingresso gratuito a portatore di handicap (100%) e relativo accompagnatore

ORARIO DI VISITA
Tutti i giorni, festivi inclusi, con orario continuato:
Marzo: 8:30 – 17.30 (ultimo ingresso)
Aprile – Settembre: 8:30 – 18:30 (ultimo ingresso)
1°Ottobre – 14 Ottobre: 9:00 – 17:00 (ultimo ingresso)
15 Ottobre – 4 Novembre: 9:00 – 16:30 (ultimo ingresso)