Non ci stancheremo mai di dire quanto la Sicilia sia una terra splendida in cui ogni posto, anche il più piccolo, ha il suo fascino. Visitare tutta la regione richiede molto tempo ed ovviamente ha un suo costo ma il discorso cambia se si decide di esplorarla un pò alla volta. Se dunque avete intenzione di scoprire questa terra, un buon punto di partenza può essere sicuramente la città di Palermo.

Due premesse prima di partire

Prima di continuare a leggere questo articolo, ci teniamo a precisare due cose: in questo testo non troverete una descrizione storica della città o dei monumenti che vi suggeriamo di visitare, nè tanto meno un elenco di tutto ciò che c’è da vedere, la nostra intenzione è quella di proporvi un tour della città che si può portare a termine nel giro di una giornata; in secondo luogo vi ricordiamo che la nostra è una semplice proposta di viaggio e non una guida esaustiva di ciò che si può visitare.

Visitare Palermo in un giorno

Esauriste le premesse possiamo passare a questa nostra mini guida. Le opzioni a nostra disposizione sono due una più economica ma più impegnativa fisicamente ed una più costosa ma sicuramente più comoda. Le opzioni in esame sono le seguenti:

  • Girare la città a piedi
  • Affidarsi al city sightseeing

Vediamo nel dettaglio entrambi i casi:

Visita a piedi

Il giro che qui di seguito vi proponiamo prevede le seguenti tappe:

  • Mercato Vucciria
  • Teatro Massimo
  • Teatro Politeama
  • La Zisa
  • Palazzo Reale
  • Mercato Ballarò
  • Municipio
  • Quattro Canti
  • Cattedrale

Per raggiungere il mercato Vucciria partendo dalla stazione centrale di Palermo ci varranno circa 10 minuti. Per quanto sia un luogo di importanza storica per la città di Palermo, oggi giorno il mercato ha mutato molto il suo aspetto: la mattina i banconi presenti sono ormai ben pochi ma la sera si riempe di giovani divenendo un luogo di ritrovo.

teatro massimo

Dopo aver speso qualche minuto per vedere il mercato, si può passare alla prossima tappa ossia il Teatro Massimo. Questo teatro è il più grande teatro d’Italia ed è stato realizzato nel 1875 seguendo i canoni neoclassici. La pianta è circolare e l’ingresso richiama le forme dei templi greci. Una piccola curiosità: in questo teatro è stata girata la scena conclusiva della trilogia de “Il Padrino”.

politeama

Prendetevi qualche minuto per gustarvi una granita nei pressi del teatro, dopodichè si può riprendere il cammino. Il prossimo obiettivo è il Politeama, teatro raggiungibile in circa 10-15 minuti di cammino. il Politeama rappresenta il secondo prestigioso teatro di Palermo e si riconosce grazie ad un inconfondibile arco di trionfo all’ingresso sormontato da una scultura bronzea di Apollo alla guida di una quadriga.

zisa

La prossima tappa è la Zisa. Per raggiungere questo palazzo dovremmo affrontare una bella passeggiata di circa 30 minuti. La Zisa è un edificio del XII secolo e risale al periodo della dominazione normanna in Sicilia. Questo palazzo rappresenta un connubio di arte e architettura normanna con ambienti tipici della casa normanna e decorazioni e ingegnerie arabe. Il palazzo è circondata da un ampio giardino  ed è famoso per la presenza di un fontana all’interno del palazzo. Per quanto l’edificio sia considerato di grande importanza storica, ci sentiamo in dovere di informarvi che ciò che reste di effettivamente visitabile è ben poco e a nostro avviso il prezzo del biglietto non è appropriato, per questo motivo vi invitiamo ad informarvi presso la biglietteria su cosa potrete vedere prima di acquistare il biglietto e magari restare un pò delusi.

Il tempo inizia stringere ormai la mattina è quasi del tutto passata, prossima tappa: Palazzo Reale. Il Palazzo Reale è forse uno degli edifici più belli della città di Palermo non solo l’esterno ma anche le sale interne sono di una bellezza più unica che rara. Il Palazzo Reale sorge sui resti dei primi insediamenti cartaginesi di Palermo e fu poi trasformato in castello dai Normanni. All’interno potrete ammirare la Cappella Palatina, la Sala dei Vicerè, la stanza d’Ercole e molto altro ancora. Il nostro consiglio è di non farvi fermare dal prezzo del biglietto che si aggira sui 12 euro e di visitare il Palazzo anche all’Interno.

A poca distanza dal Palazzo Reale sarà possibile raggiungere il mercato Ballarò. A differenza della Vucciria questo mercato è ancora vivo, con tantissime bancarelle che vendono oggetti di ogni tipo. Il mercato è molto affollato ma caratteristico per cui visitatelo con la dovuta attenzione.

Una visita a Palermo non può escludere l’imponente Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta. Questo enorme edificio religioso sorge sulla base di un’antica moschea araba riconvertita al culto del cristianesimo. La facciata principale è racchiusa tra due torri mentre l’altra facciata è circondata da una grande piazza. Entrando all’interno della Cattedrale in molti notano una gran differenza tra il maestoso esterno e la semplicità degli spazi interni.

Se avete ridotto le pause all’osso ed avete mantenuto un buon ritmo, arriverete in tempo per visitare anche le sale interne del Municipio, altro edificio di grande importanza della città di Palermo. Il Municipio sorge in un’ampia piazza, che sarebbe “piazza Pretoria” dominata da una fontana. A pochi passi di distanza troverete poi i Quattro Canti, che segnano l’intersezione con via Maqueda; ai quattro angoli dell’incrocio troverete raffigurati le quattro stagioni, quattro sovrani spagnoli e quattro sante palermitane.

Visita con il City Sightseeing

Il tour che vi propone questo servizio è leggermente diverso in quanto nel biglietto comprende anche la visita a Monreale o alla spiaggia di Mondello. Visitare la città con questo pullman vi costerà senza dubbio meno fatica e vi consentirà di vedere più cose. Dato che il biglietto dura 24 ore, il nostro consiglio è di farvi prima un giro completo e poi di riprendere il pullman e scendere nei monumenti che più vi interessano per visitarli con calma.