L’arte e la natura hanno molto in comune e spesso sono state unite sapientemente da brillanti uomini che hanno saputo cogliere la bellezza offerta spontaneamente dal mondo e tutti coloro abbastanza attenti da riuscire a notarla. Se vi state chiedendo il perchè di questa premessa, la risposta è semplice ma prima di averla vogliamo porvi una domanda: vi siete mai chiesti quale sia il paesaggio a fare sa sfondo alla Gioconda? Ad ispirare il genio di Leonardo Da Vinci sono state le “Balze di Valdarno”, paesaggio naturale di cui a breve vi parleremo.

Le Balze di Valdarno

Balze

Partiamo dalle basi, come facilmente intuibile dal nome le Balze si trovano nel Valdarno una valle situata in Toscana. Queste Balze, che sono conosciute anche con il nome di “smotte”, sono un  sono un geotopo (ossia una parte del paesaggio con caratteri e struttura relativamente uniformi) caratteristico, costituite da sabbie, argille e ghiaie stratificate, alte fino a un centinaio di metri, di forme diversificate, intercalate da profonde gole. La formazione di queste balze è da attribuire ad un processo prettamente naturale: l’erosione che ha intaccato i sedimenti pliocenici (ossia risalenti alla seconda ed ultima epoca geologica del Neogene) del valdarno superiore.

Un pò di storia: la formazione geologica

Lo scenario che oggi giorno si presta all’occhio umano non corrisponde a ciò che inizialmente vi era al posto delle attuali balze. Il fondovalle del Valdarno difatti è molto cambiato nel corso dei secoli: inizialmente infatti vi era il lago pliocenico del Valdarno Superiore. Dopo l’estinzione del suddetto lago iniziarono i moti erosivi, che tutt’oggi continuano la loro azione “modellante”, del reticolo idrografico composto dal fiume Arno (il più grande del fondovalle) e da molti altri torrenti più piccoli, il risultato prodotto da questa erosione continua sono i sedimenti lacustri. Questi suddetti sedimenti si presentano  sempre con la stessa successione: più in basso quelli più fini(argille), depositati quando il lago era più profondo, più in alto i sedimenti grossolani (ciottoli) trasportati dagli immissari quando il lago era meno profondo.

I sentieri percorribili

Per visitare le balze si può scegliere tra più sentieri da cui ammirare questo spettacolo della natura. Tra i più suggestivi annoveriamo i seguente percorsi:

  • Il sentiero dell’acqua zolfina
  • le balze nella Buca delle Fate
  • Le balze di Reggello
  • La strada delle Cave

Come raggiungere le Balze

Una volta che vi abbiamo parlato di questo poco conosciuto luogo naturale, vi lasciamo una prima indicazione su come raggiungere la zona. L’area della Balze si trova, tra Firenze ed Arezzo, a pochi km dall’uscita dell’Autosole A1 Valdarno. La stazione ferroviaria più comoda è quella di Montevarchi. L’aeroporto più vicino è quello di Firenze.

Leonardo Da Vinci e le Balze

leonardo e e balze

Un’ultima curiosità prima di lasciarvi, abbiamo detto che lo scenario delle balse è stato utilizzato da Leonardo da Vinci come sfondo della sua “Gioconda”, vogliamo qui aggiungere una piccola annotazione. Leonardo Da Vinci studiò a fondo lo scenario del Valdarno Superiore e osservando le balze del Valdarno capì questi processi con qualche secolo di anticipo rispetto alle teorie moderne sull’erosione e la sedimentazione.