Nella cittadina di Tivoli, a pochi passi da Roma, sorge Villa d’Este, uno splendido complesso cinquecentesco inserito nella lista dei luoghi riconosciuti patrimonio dell’UNESCO. Il complesso di Villa d’Este è formato da uno sfarzoso Palazzo e da un immenso giardino ricco di fontane, grotte, cascate e giochi d’acqua. Il giardino è un vero e proprio capolavoro e vale la pena visitarlo con cura: esso affascina da secoli i visitatori ed è stato un modello per la realizzazione di altri imponenti giardini europei in epoca rinascimentale e barocca. Il giardino si articola in pendii e terrazze con le fontane e i giochi d’acqua che rendono incantevole il luogo. Numerose sono le statue e le sculture presenti all’interno del giardino.

villa-deste la storiaLa storia

L’intero complesso fu realizzato nel Cinquecento su volere del cardinale Ippolito d’Este, che fu nominato governatore di Tivoli da Papa Giulio III. Il cardinale sarebbe dovuto andare a vivere in un vecchio convento, ma egli era abituato allo sfarzo della corte di Ferrara e quindi decise di far realizzare questa villa sul pendio della “Valle Gaudente”. I lavori di costruzione del Palazzo e del giardino furono molto lunghi e costosi: alla realizzazione di questo incantevole luogo, affidato all’architetto Pirro Ligorio, contribuirono molti artisti e personalità di spicco dell’epoca. Le sale del Palazzo furono decorate dai principali esponenti del manierismo romano, come Federico Zuccari, Livio Agresti e Antonio Tempesta; nel Seicento, il Bernini apportò alcuni lavori nel giardino con la costruzione della Fontana del Bicchierone e l’ammodernamento delle fontane già esistenti. L’inaugurazione della villa avvenne nel settembre del 1572 e tre mesi dopo il cardinale Ippolito d’Este morì. La villa resto alla famiglia d’Este per circa un secolo, poi passò agli Asburgo. In seguito alla prima guerra mondiale, la villa passò allo Stato Italiano che iniziò ad apportare importanti lavori di restauro e in seguito la aprì alle visite del pubblico.

La struttura della villa

Il più grande viale della villa è denominato il Vialone: esso è lungo circa 200 metri e corre in parallelo alla facciata del Palazzo. Il Vialone delimita la Gran Loggia da una parte, luogo in cui il cardinale e la corte si rinfrescavano e soggiornavano nei mesi più caldi e dove assistevano agli spettacoli delle fontane, e la Fontana Europa, dalla forma di un arco di trionfo, dall’altra. Le fontane, come detto, sono l’elemento maggiormente caratteristico di Villa d’Este: imperdibili sono le Cento Fontane, che metaforicamente rappresentano i tre affluenti del Tevere. Le Cento Fontane sono situate su due file sovrapposte e sono decorate con sculture di aquile estensi, gigli e obelischi: i meravigliosi zampilli di queste fontane hanno fatto da sfondo alla scena del banchetto nel film Ben Hur.

Alla sinistra del viale delle Cento Fontane, è posta la Fontana dell’Ovato: essa è definita “la regina delle fontane”, perché è considerata modello delle scenografie barocche seicentesche con la sua grande vasca che raccoglie l’acqua. Altre straordinarie fontane da ammirare sono la Fontana di Proserpina, la Fontana dei Draghi, la Fontana di Nettuno, forse la fontana più imponente di tutte, la Fontana della Civetta, la Fontana dell’Organo e la Rometta, chiamata così per via delle sculture che fanno riferimento alla Capitale: le sculture riguardano la dea Roma, Romolo e Remo, la Lupa e una nave romana. Un altro elemento da non perdere a Villa d’Este è sicuramente la Grotta di Diana, uno straordinario ninfeo composto da mosaici di pietre e stucchi a rilievo. Questi sono solo i principali elementi costituenti la fantastica Villa d’Este: nel corso della visita resterete ammaliati dall’incredibile bellezza e imponenza delle fontane, dai giochi d’acqua e delle sculture presenti e vi sembrerà di essere catapultati in un mondo paradisiaco.

villa d-este

Quando visitare e come raggiungere Villa D’Este?

Il giardino di Villa d’Este è aperto al pubblico tutti i giorni della settimana ad eccezione dei lunedì non festivi. L’ingresso alla villa ha un costo intero di 8 euro (ridotto 4 euro) ed è gratuito la prima domenica di ogni mese.

Villa D’Este è raggiungibile in macchina percorrendo l’autostrada A24 e uscendo al casello di Tivoli. Villa D’Este è facilmente raggiungibile da Roma, grazie al treno o all’autobus: in treno, sarà possibile prendere un regionale dalla stazione di Tiburtina e scendere a Tivoli dopo circa 40 minuti; inoltre, da Ponte Mammolo, appena fuori dall’uscita metropolitana, sarà possibile giungere alla cittadina di Tivoli in autobus percorrendo la Tiburtina.